Tecnologie GPS per le flotte: uno strumento di resilienza per le imprese europee

7 December 2021 | 158 Shares

Equipaggiare una flotta con soluzioni di localizzazione GPS riduce il costo medio per il carburante dell’8%: è quanto emerso dal Report 2022 sui Trend Tecnologici delle flotte in Europa. Nel corso del 2021, la crisi energetica e l’impennata dei prezzi dei carburanti avvertite in tutto il continente hanno dimostrato una volta per tutte che migliorare l’efficienza delle imprese non è solo un banale mantra promozionale per vendere più software e tecnologie gestionali; al contrario, è il risultato concreto di soluzioni mirate.

Il prezzo dei carburanti è tuttora un’incognita nell’intera area europea. In Italia, per esempio – dove i prezzi sono già tra i più alti in Europa – si profilano già ulteriori aumenti. Rispetto all’inizio del 2021, nel mese di ottobre le aziende italiane hanno assistito a un aumento del 15% del prezzo del petrolio, e del 14,5% per il carburante diesel. Il costo del gas metano per veicoli a CNG (gas naturale compresso) è triplicato rispetto a inizio anno.

Una situazione analoga si ha nel Regno Unito, dove i prezzi di petrolio e diesel continuano a registrare livelli record.

“Oltre a ledere il potere d’acquisto delle famiglie, ciò avrà un impatto anche sui prezzi di beni e servizi, dato che il diesel è letteralmente ciò che fa muovere l’industria. Non c’è dubbio che assisteremo a un balzo dell’inflazione” ha affermato Simon Williams, portavoce del gruppo RAC che monitora i prezzi dei carburanti, in reazione alla notizia del nuovo record dal 2012 dei prezzi del diesel. Nel solo Regno Unito sono 12 milioni e mezzo i guidatori di automobili alimentate a diesel, 4 milioni e mezzo i furgoni (perlopiù diesel) e ben 525.000 i veicoli per il trasporto pesante.

Lo studio, condotto da ABI Research per conto di Verizon Connect su un campione di oltre 1.350 manager di flotta, dirigenti e altri professionisti dei trasporti in Europa e Regno Unito, ha evidenziato però un notevole ritorno d’investimento per le imprese che hanno scommesso sulle tecnologie GPS per la gestione delle flotte aziendali. Quanto alle difficoltà attuali, l’aumento generale dei costi è stato indicato come quella più significativa dal 70% degli intervistati, seguito dall’incremento del prezzo del carburante (69%), dalle crescenti aspettative della clientela (63%) e dai costi della manodopera (63%). Il tutto in un anno segnato da sfide senza precedenti, dal distanziamento sociale all’home garaging fino al coordinamento da remoto della pianificazione logistica e delle spedizioni.

Il Report ha anche evidenziato come, nell’arco dell’intero 2021, il 68% delle flotte avrà adottato tecnologie di localizzazione GPS, soluzioni che si confermano consolidate e in crescita fra le aziende europee e britanniche. Non che ciò stupisca, considerandone i benefici nel lenire gli ostacoli affrontati dalle imprese e nel fornir loro una marcia in più rispetto ai competitor.

Tra i principali risultati del Report, si segnala anche che:

  • il 74% degli intervistati che hanno adottato soluzioni di localizzazione GPS le definisce “molto” o “estremamente” vantaggiose;
  • il 56% degli intervistati ha riscontrato un miglioramento del proprio servizio al cliente in seguito all’adozione di strumenti per il tracciamento della flotta;
  • tra chi ha scelto una soluzione GPS, il 52% ha ridotto la propria spesa carburante, il 43% ha registrato meno incidenti, e il 27% ha ridotto i costi della manodopera.

Le tecnologie per la gestione delle flotte attualmente sul mercato includono: localizzazione GPS (68%), gestione dei servizi sul campo per pianificazione, esecuzione e comunicazione logistica (41%); tracking di asset, rimorchi ed equipaggiamenti (36%). Il settore edile e quello dei trasporti su strada sono in prima linea in tale rivoluzione tecnologica, seguiti da commercio al dettaglio, manifattura e grande distribuzione.

La diffusione di tali strumenti in sempre più settori industriali è in linea con la rapida trasformazione digitale innescata dalla pandemia di Covid-19, con cui il mondo sta tuttora cercando di adeguarsi a convivere. Per garantire la sicurezza dei propri dipendenti e mezzi senza mettere a rischio la propria stabilità finanziaria, le imprese sono alla ricerca di modi nuovi per aumentare i profitti ottimizzando la propria produttività ed efficienza, e minimizzare le perdite tagliando i costi non essenziali.

Nel rapporto è anche presente una mappa, Paese per Paese, dei risultati ottenuti dalle aziende dopo aver adottato soluzioni di localizzazione GPS. Il miglioramento dei servizi al cliente è risultato essere il principale beneficio in Belgio, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo e Spagna; la riduzione dei consumi di carburante è risultata prominente in Germania e Regno Unito, mentre calo degli incidenti e aumento della produttività sono rispettivamente risultati al primo posto in Francia e Irlanda.

Verizon Connect offre una vasta gamma di soluzioni leader nel campo della tecnologia mobile, tra cui localizzazione e gestione di flotte aziendali,  asset tracking, tachimetri digitali, servizi sul campo, pianificazione e ottimizzazione dei percorsi su strada. Con più di 3.000 dipendenti in 15 Paesi costantemente dediti allo sviluppo di prodotti che aiutino gli imprenditori a trasformare il proprio business, ridurre significativamente i costi e migliorare sicurezza dei trasportatori ed esperienza del cliente, il tutto con un occhio alla sostenibilità ambientale Verizon Connect è tra i partner più affidabili e completi oggi sul mercato.

“Con il crescere dell’onda tecnologica cresce anche ciò che pretendiamo dal nostro software: dai criteri più basilari di accessibilità e usabilità siamo passati alla capacità di fornire non solo un flusso completo di dati, ma anche di identificarne automaticamente i punti chiave. I nostri clienti non hanno tempo da perdere, perciò vogliamo facilitare loro il lavoro; vogliamo renderli più efficienti, aiutarli ad avere uno sguardo d’insieme di tutto quel che avviene sul campo” ha dichiarato Peter Mitchell, general manager di Verizon Connect, in un’intervista rilasciata a FleetOwner lo scorso giugno.

“Oggigiorno il cliente vuole conoscere il contesto di ogni cosa. Vuole sapere come avere maggior successo nella propria attività, e si interessa a strumenti predittivi che gli permettano di compiere scelte più intelligenti.”

Questo modo più smart di prendere decisioni ha dato risultati tangibili. Per maggiori dettagli sui benefici riscontrati dalle aziende, leggete il rapporto 2022 sui in Europa, disponibile al download fin da ora.


Verizon Connect